logo TENEDLE

2015 Klubink – Barcelona

“KLUBINK INCONTRA TENEDLE SONGWRITER E PERFORMER ITALIANO RESIDENTE DA ANNI IN OLANDA CHE CI PARLA DEL SUO NUOVO ALBUM IN ATTESA DEL SUO RITORNO A BARCELLONA”.

Perche’ questo disco ora ?
Perche’ quando ho una buona idea non devo aspettare o accontentare nessun editore o etichetta discografica, ora ho la mia. Per fortuna non ho alcun successo commerciale e posso decidere in totale liberta’ quando farmi un regalo o farlo a chi mi segue.

Sono canzoni nuove ?
Cinque di questi brani sono stati nel cassetto a lungo, poi alcuni anni fa ho ripreso a suonarli dal vivo e ho cominciato a sentire la loro forza anche grazie al pubblico. Molte persone di cui mi fido mi hanno spinto a farne un lavoro completo e un anno fa ho cominciato a scrivere sette brani nuovi.

Perche’ Emily Dickinson?
E.D. e’ una mia grande passione da sempre, le sue poesie non sono solo tra le piu’ strabilianti di ogni tempo, la figura e le scelte rendono le cose che ha scritto universali, oltre la poetica. La sua opera e’ una ricchissima testimonianza umana, una lezione sull’arte, l’ispirazione, il rapporto con l’eternita’, la fragilita’ e la potenza di un essere umano, ed ogni suo poema ha una straordinaria sensualita’ e musicalita’.

Particolare ed originale anche il titolo “Odd to love”
Ho cominciato a giocare con le parole anche in altre lingue e questo fa ben sperare.
Il titolo piace molto anche a me, ha dentro un sacco di interpretazioni possibili e questo credo mi rappresenta.

E’ un disco diverso dagli altri e non solo perche’ in inglese, come e’ nata l’idea di fare un lavoro cosi riflessivo e sperimentale?
Diciamo che per rispetto alla figura che intendevo cantare dovevo come minimo trovare un punto di incontro “intimo” con le poesie, la ritmica nella Dickinson e’ gia’ formidabile di suo, i testi dovevano secondo me essere interpretati trovando vie interiori, anche tra suono e interpretazione.

Hai scritto e prodotto “Odd to love” in solitudine quasi totale se si esclude il contributo di Bert Lochs gia’ presente nel tuo precedente “Vulcano”? Scelta o esigenza pratica.
Sempre cercando l’intimita’ necessaria con “Emily”, ho deciso subito che volevo fare questo dischio “rinchiuso” come lei in casa, senza frequentare nessuno. Bert ovviamente e’ stata l’unica splendida eccezione ed ha dato come per Vulcano il “colpo di grazia” al disco. Una scelta comunque.

Suonerai queste cose dal vivo e soprattutto tornerai a Barcellona?
Tornare a Barcellona e’ sempre nei miei desideri, e’ una citta’ che ho sentito subito “casa” ed ora ho molti amici, catalani, italiani e di diverse nazionalita’, non vedo l’ora che succeda e spero sia presto.

TENEDLE “ODD TO LOVE” A tribute to Emily Dickinson – release September 21 2015
pre order started NOW

© 2010 TENEDLE