logo TENEDLE

RUOTE

Sorvolano la polvere di un feudo che si sgretola
Le note che resistono provengono da lì…..

Si gonfia un trombone stonato
Le luci
Gli applausi d’un fiato
La banda sulle onde ti chiama : “Unisciti a me”

Non posso immaginarmi qui seduto
Mentre bevo il tè su due ruote
Io dovrei vivere cosi in una casa mobile
Con le ruote
La lore è lieta compagnia
Ma cosa resta di una scia di ruote
Ma quando suonano
Perchè non sembra musica
Ma un dio di note ?

Un corno intrecciato al suo maestro
La tromba dai tasti di creta
Fenomeni e strani portenti
Riecheggiano in te
Ritagli di gloria : gettare !
Le rose nei libri esiccare
Se resti per sempre indeciso
hai il gambo reciso

Non posso immaginarmi qui seduto
Mentre bevo il tè su due ruote
Io dovrei vivere cosi in una casa mobile
Con le ruote
La lore è lieta compagnia
Ma cosa resta di una scia di ruote
Ma quando suonano
Perchè non sembra musica
Ma un dio di note ?

Appese le fotografie
Si beve lentamente il tè
Nella sua testa corrono
Le solite note.

© 2010 TENEDLE