logo TENEDLE

SONIC BANDS – April 2005

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

SONIC BANDS – ID box – Aprile 2005

Nuovo lavoro in studio per il visionario Tenedle, licenziato con una co-produzione tra Rayboom e U.D.U. records.
Luminal porta alla luce lo straordinario talento di questo cantautore nostrano, all’anagrafe Dimitri Niccolai, le cui visioni musicali sembrano influenzate sia da
Giorgio Gaber, che dagli ultimi Radiohead, senza dimenticare le indelebili lezioni dei Beatles, Japan, Rino Gaetano e Battisti.
C’è tanta elettronica a sostenere la voce delicata e da cantastorie di Tenedle (lo pseudonimo utilizzato non è che la trasformazione del nome proprio in un alfabeto che inverte le lettere) e tocchi sia folk che psichedelici ad impreziosire i dodici episodi che compongono questo disco.
Hanno la forma di piccoli cortometraggi le canzoni in questione, film che raccontano vita e sentimenti, sia allegri che non, dell’artista abile nel dipingere paesaggi raccontandoli raccontandoli con parole semplici e dirette, pronte ad instaurarsi nella mente di chi ascolta.
Serve una condizione libera nell’approccio a questa musica per coglierne le sfumature e per essere completamente coinvolti nelle storie descritte da Dimitri, che sa rendere al meglio le sue influenze rendendole estremamente accessibili e gradevoli.
Ampio uso di sintetizzatori su delicate armonie di chitarra pulita è la formula musicale utilizzata da Tenedle che filtra il tutto attraverso una psichedelia mai invadente che vede il suo miglior episodio subito con “la scatola”, song che per melodia, testo e contaminazione riesce immediatamente a fare centro facendosi riascoltare più e più volte.
Sono le prime tracce in scaletta a dare tanti punti alla release, “molotov kid”, “schizoide”, e soprattutto “prima del suicidio” sono splendide, assieme alla cavalcata elettronica di “mostri” e alla stranezza della conclusiva “l’insegnante”.
In ogni modo nessun brano risulta banale permettendo a “Luminal” di mettere in mostra il gusto ed il talento dell’ottimo Dimitri Niccolai, davvero un bel disco.

Fabio “Igor” Tosi

© 2010 TENEDLE