logo TENEDLE

(Italiano) BABYLONBUS – febbraio 2011

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

GRANCASSA è il quarto album ufficiale di Tenedle. Dopo Psifreakblusbus (2003), Luminal (2005), Alter (2007), ecco il suo nuovo disco, un disco veramente nuovo! Unico nel suo genere, ricco di ospiti, tra cui le splendide voci di Marydim, Silvia Vavolo e Vanessa Tagliabue Yorke e la tromba di Rocco Brunori. Musica elettronica raffinata che fonde i suoni, i rumori e i ritmi della contemporaneità ad un uso della parola curato, riflessivo e critico. Se mai ce ne fosse stato il bisogno, con questo nuovo album di Tenedle, ci rendiamo conto che questo artista sta proseguendo nel suo cammino fatto di qualità fin dal suo disco d’esordio. Ascoltare dischi come il suo ci fa ben sperare per il futuro della musica d’autore italiana. Tra i pezzi più convincenti, segnalo, “Hikikomori”, “Lo stato in cui mi cerco” e “La cura del suono”.
Grancassa tratta delle nuove forme di solitudine che la tecnologia ci regala, un pellegrinaggio attraverso i vuoti che cerchiamo di colmare. Dal brano di apertura “Hikikomori”, all’ultima traccia, “In feedback” , GRANCASSA è un viaggio, attraverso atmosfere nordiche, rarefatte, talvolta ossessive, in cerca di un orizzonte “dove perdersi, ogni tanto, un’ora”….
Uscito l’8 dicembre scorso il nuovo album di TENEDLE “GRANCASSA”, è stato prodotto da “Sussurround” (casa di produzione indipendentissima di Tenedle) per l’etichetta (senza scopo di lucro) UDU RECORDS. E’ un disco veramente NUOVO, la musica d’autore contemporanea, una nuova canzone d’autore italiana, attenta alla tradizione letteraria, critica nei confronti dei modelli frenetici occidentali e ricercata nel suono e nei concetti.
La quarta pubblicazione per l’artista fiorentino, che attualmente vive in Olanda, sempre alternativo, appena fuori da ogni schema, ma propositivo, con un filo conduttore costante, che la musica cioè, e l’arte, hanno il dovere di scuotere, di “disturbare” lo stato delle cose, questo non necessariamente in modo violento. Con carta, penna, chitarra e nel nostro caso, sintetizzatori. Il disco è autoprodotto e necessità di un sostegno maggiore attraverso il passaparola. Credendo sempre più in un rapporto “artigianale” stretto, sincero, tra la musica e chi ne fruisce.
TENEDLE scrive e produce i propri suoni dal tempo dei primi sintetizzatori midi. Nato a Firenze, vive_attualmente in Olanda dove lavora e trae nuova ispirazione. Negli anni ha percorso e sperimentato svariati sentieri sia come autore, compositore, che produttore. Compone e realizza musiche di scena per il teatro, soundtracks e musica sperimentale, ma è con la forma canzone che illustra le proprie visioni, i suoi sogni ed incubi. Le sue performances si avvalgono dell’uso di immagini e di svariati elementi teatrali. Cresciuto tra “Sergent Pepper’s” e la “Computer music”, compone piccoli films, cercando di catturare e raccontare la tenerezza e la crudeltà della condizione umana.

ANDREA TURETTA

http://www.babylonbus.org/2011/02/10/tenedle-%e2%80%93-grancassa/

Leave a Reply

© 2010 TENEDLE