logo TENEDLE

2014 Passaparola Magazine

Cosa ci puoi dire a proposito della creazione di questo tuo brano che apre il lancio del tuo nuovo album?

Fa  parte  del  nuovo  lavoro  VULCANO,  che  è  uscito  in  febbraio  (Udu  records  e  Sussurround,  ndr)   ed  è  un  brano  che  abbiamo  scelto  perché  rivela  il  nuovo  corso  della  mia  musica.  È  un  brano  apparentemente  molto  leggero  con  uno  slogan  apparentemente  frivolo,  in  cui  si  dicono  cose  semplici,   ma  che,  in  fondo,  se  si  esaminano  attentamente,  hanno  invece  una  grande  importanza.  Amore   da  un  altro  mondo  è  un  pezzo  molto  fruibile,  suonato  con  un  tocco  di  maestria  dal  trombettista  Bert  Lochs,  con  cui  lavoro  in  tutto  il  disco.  Il  nuovo  album  racconta  un  viaggio,   un’esperienza   immaginaria,   ultraterrena,   ma   anche   concreta:   una   realtà   parallela  
dell’universo.  Guardando  la  terra  dall’universo.  

È  questo il concetto che cercavi di trasmettere?

Esatto,   ultimamente   cerco   di   essere   sempre   più   essenziale   e   in   questo   disco   c’è   questa   caratteristica.   Quasi   tutti   i   miei   pezzi   si   compongono   di   parole  ripetitive,  come  appunto  dei  mantra,  senza  andare  a  cercare  troppi   arzigogolii.   Poche   parole   che   raccolgono   tutto   della   situazione   umana   in   questo  momento.  Il  disamore  che  abbiamo  per  le  cose.  Il  poco  amore  per  
la  Terra;  c’è  un  brano  sull’amore  reciproco  e  il  disastro  che  sta  combinando  l’uomo.  Il  disco  parla  di  disastri  e  di  genialità  dell’essere  umano.  Perché   è   ora   di   scegliere   da   che   parte   stare.   Non   ci   sono   più   scuse.   In   Amore   da   un   altro   mondo   viene   fuori   tutto   questo,   tutto   insieme   e   in   poche   parole.  Io  sono  estremamente  soddisfatto  di  questa  semplicità.

Ci hai abituati nel tuo precedente album (Grancassa,   2010,   ndr) ad nuovo lavoro ?

Vi  svelo  che  Amore  da  un  altro  mondo  è  il  brano  che  assomiglia  più  a  Grancassa.  Anche  se  cerco  sempre  di  non  ripetermi.  Ho  iniziato  a  lavorare  al  disco   più   di   un   anno   fa   proprio   collezionando   suoni   nuovi,   cercando   di   crearne   nuovi,   realizzando   percussioni   con   barattoli,   vecchi   xilofoni stonati e poi, che   passa   da   momenti   di  ballabilità   a   momenti   silenziosi   e   minimalisti.  
Credo  che  in  ogni  canzone  troverete  qualche  sorpresa.

Paolo Travelli

© 2010 TENEDLE